ALTRI SPORT | mercoledì 13 dicembre 2017 12:09

ALTRI SPORT | venerdì 04 agosto 2017, 12:20

Pesca, il chiavarese Alessio Alessiani campione provinciale nella specialità al colpo

Podio occupato interamente da portacolori della Fi.Ma Chiavari: alle spalle di Alessiani, argento all’esperto Enrico Botto e bronzo ad Alberto Cordano. Agli Italiani a squadre e a coppie di pesca a mosca, invece, il Fly Genova ha sfiorato il podio, mentre la Fi.Ma ha chiuso ottava

Alessio Alessiani della Fi.Ma Chiavari, neo campione provinciale di pesca al colpo, tra Alberto Cordano e Enrico Botto

La Fi.Ma Chiavari ha voluto riportare alla luce il campionato provinciale di pesca al colpo (una tecnica di pesca che insidia i ciprinidi di laghi e torrenti) persosi da alcuni anni per il decadimento faunistico dei nostri fiumi.

Con il pieno appoggio della sezione Fipsas di Genova, il campionato si è svolto su tre prove, la prima ha visto coinvolto il pescoso lago di Giacopiane, mentre le altre due prove si sono tenute al lago Curadi di Spezia, e tutte si sono svolte in due domeniche, il 9 e 30 luglio.

Alessio Alessiani, il noto pluricampione chiavarese della pesca in mare, conquista il titolo provinciale 2017 di specialità, vestendo appunto per la tecnica di pesca al colpo la maglia della Fi.Ma Chiavari, con 8 penalità, maturate da 2+2+4 posizioni di settore e un totale complessivo di 12.205 punti.

Enrico Botto, da sempre Fi.Ma, e vero esperto di questa tecnica che lo ha portato a vincere il titolo italiano individuale nel 1996, si è piazzato al secondo posto assoluto con 9 penalità e 6.535 punti.

Alberto Cordano, campionissimo della specialità trota, è ritornato a vestire la casacca Fi.Ma e da quest’anno a competere nei campionati ufficiali del colpo, piazzandosi 3° assoluto con 10 penalità e 5.575 punti.

Per cui alla Fi.Ma Chiavari va non solo la conquista del titolo di specialità ma l’intero podio e il diritto di portare agli Italiani di specialità 2018 sicuramente uno di questi atleti.

Riepilogo di tutte le vittorie di gara e di settore:

1^ prova, domenica 9 luglio, al lago di Giacopiane, vince Umberto Righi (Fi.Ma) con 9.425 punti, seguito da Alessio Alessiani (Fi.Ma) con 8.185 punti, terzo Rinaldo Superchi (Fi.Ma) con 2.995 punti.

2^ prova, domenica 30 luglio mattino, al lago Curadi, vince Enrico Botto (Fi.Ma) con 1.680 punti, seguito da Alessiani con 1.100 punti, terzo Alberto Cordano (Fi.Ma) con 520 punti.

3^ prova, domenica 30 luglio pomeriggio, sempre al Curadi, vince Cordano con 3.815 punti, seguito da Alberto Cò (Fi.Ma) con 3.810 punti; terzo Enrico Botto (Fi.Ma) con 3.320 punti.

Un campionato combattuto e divertente, ma si pensa già a quello del 2018.

Nel campionato italiano a squadre e a coppie di pesca a mosca, invece, i moschisti genovesi sfiorano il colpaccio, mentre il team chiavarese della Fi.Ma si batte bene ma deve arrendersi con mezzi piazzamenti.

C’era molta attesa per questa trasferta della pesca a mosca in Val Sesia a fine luglio, ma diverse problematiche, sia di impostazione tecnica che organizzativa, hanno detto male alle due compagini genovesi, il Fly Genova e la Fi.Ma Chiavari, che partecipavano schierando gli atleti di punta.

Per il Fly Genova, la squadra era composta da Bruno De Benedetti, Carlo Sciaguri, Luigi Pietrosino e Stefano De Martini, che dopo le quattro prove - due svolte in lago e due in torrente - sente odore di podio, ma chiude per un nulla al quarto posto assoluto.

Per la cronaca, il Fly Genova lo scorso anno ha vinto tutto, sia l’individuale che la gara a squadre e a coppie, per cui i moschisti genovesi speravano in un bis, almeno nel titolo di società, ma il verdetto amaro delle penalità (18,5) gli ha tolto sia l’oro che il bronzo, e tutto per un misero punto.

Meno brillante la Fi.Ma Chiavari, partita male in lago, ha dovuto impegnarsi non poco per raddrizzare la classifica di società, con la squadra composta da Giancarlo Gazzolo, Matteo Zamparutti, Alessandro Barbieri e Stefano Circella, chiudendo all’ottavo posto assoluto con 23 penalità.

Osservando la classifica a coppie, invece, il Fly Genova chiude all’8° posto assoluto con il duo DeBenedetti/Sciaguri con 8,5 penalità, e 12° con la coppia Pietrosino/DeMartini con 10 penalità; mentre la Fi.Ma scivola in 17^ posizione con Zamparutti/Gazzolo e 19^ con Barbieri/Circella.

Per la cronaca vince il titolo italiano, manco a dirlo, la squadra di casa della Canna Vicentina Flay con 16 penalità; argento allo Stone Fly Aosta 17,5 penalità; bronzo alla Dragon Fly Milano con 17,5 penalità e differenza catture.

Nella classifica a coppie, titolo di campione al duo Latronico/Zulato dei Gabbiani Varese con 5 penalità su 4 prove, argento al Club Fly Sedge Torino con 6 penalità, bronzo alla Dragon Fly Milano con 6,5 penalità.

Cs- Umberto Righi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore