BASKET | martedì 29 settembre 2020 07:40

BASKET | 23 maggio 2014, 09:36

Tra Pro Recco Basket e Ardita Juventus Nervi in palio la promozione in serie C regionale maschile

La finale playoff della serie D, al meglio delle due vittorie su tre partite, al via sabato pomeriggio alle 18 nella palestra di via Cagliari, in casa dei genovesi. La Pro Recco di coach Matteo Bertini potrà però giocare sul proprio campo sia gara due sia l'eventuale "bella"

Il campionato di basket di serie D maschile sta per inaugurare l'atto conclusivo

Il campionato di basket di serie D maschile sta per inaugurare l'atto conclusivo

Saranno la Pro Recco Basket e i genovesi dell’Ardita Juventus Nervi a disputare la finale dei playoff della serie D maschile, al meglio delle due vittorie su tre partite, al via a cominciare da sabato pomeriggio, alle ore 18, quando sarà l’Ardita, nella palestra di via Cagliari, a Genova, a fare gli onori di casa (arbitri designati i genovesi Puccini e De Angeli).

La Pro Recco avrà poi la possibilità di giocare di fronte al pubblico amico di via Vastato gara due, in programma, sempre alle 18, domenica 1° giugno, e anche l’eventuale “bella”, prevista, ancora alle 18, domenica 8 giugno.

La squadra allenata da coach Matteo Bertini era infatti approdata alla post season con una classifica migliore (secondo posto contro quarto) rispetto all’Ardita. La Pro Recco, in semifinale, ha superato in tre partite, in cui è sempre stato rispettato il fattore campo, i ponentini del Bordighera, mentre l’Ardita ha sovvertito i pronostici contro il Valle Scrivia.

I primi due match si erano risolti nel pieno rispetto del fattore campo, ma nella “bella”, giocata a Casella, campo di casa del Valle Scrivia, il quintetto allenato da coach Chiesa è riuscito ad avere la meglio per 79-75, a conferma del fatto che l’Ardita, in finale, per la Pro Recco, sarà senz’altro un osso duro.

I tre precedenti stagionali tra le due squadre sono peraltro a favore dei genovesi, che nel corso della stagione regolare si imposero sia in casa, al termine di un match decisamente sfortunato per i recchelini, sia in trasferta, in via Vastato, a conclusione di una sfida davvero molto bella e già degna di una finale. Nella successiva fase “a orologio”, nuovamente in casa della Pro Recco, furono però i ragazzi di Matteo Bertini ad avere la meglio, per quello che rimane, al momento, come il confronto più recente tra i due quintetti, dato che risale al 4 maggio scorso.

In vista di queste finali la Pro Recco dovrà probabilmente rinunciare al giovane Carpaneto, che si è infortunato alla caviglia durante la vittoriosa sfida in gara tre di semifinale contro il Bordighera, nel corso della quale il diciassettenne playmaker ha peraltro offerto una prestazione superlativa.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore