BASKET | martedì 29 settembre 2020 05:02

BASKET | 28 aprile 2014, 14:18

Tigullio e Sestri Levante pronte per la "bella"

Martedì sera alle 20.30, a Santa Margherita, il derby levantino vale l'accesso alle semifinali dei playoff della serie C regionale maschile contro il Cus Genova, che ha eliminato il Red Basket Ovada in due partite. Le dichiarazioni pre gara da parte dei coach

Appuntamento fissato per martedì sera alle 20.30 a "Santa" per Tigullio-Sestri Levante

Appuntamento fissato per martedì sera alle 20.30 a "Santa" per Tigullio-Sestri Levante

I sammargheritesi della Tigullio e il Centro Basket Sestri Levante si giocano martedì sera l’accesso alle semifinali dei playoff della serie C regionale maschile.

Il derby, valevole per la serie dei quarti di finale, ha sinora regalato, in questa post season, due match molto intensi e vibranti, che si sono sempre conclusi con il successo, seppur con uno scarto decisamente ridotto, della squadra che giocava in casa.

Martedì alle 20.30, tra le mura del palasport di via Generale Liuzzi a Santa Margherita, la decisiva gara tre, che vale la qualificazione in semifinale dove, ad attendere la vincente del match tra biancorossi e biancoverdi, c’è già il Cus Genova, che in due sole partite ha avuto la meglio sul Red Basket Ovada.

In vista della “bella” di martedì sera il coach della Tigullio Luca Macchiavello chiede ai suoi giocatori una prestazione migliore rispetto a quella offerta, nonostante il successo finale, in gara due.

<Sabato scorso, in casa, abbiamo vinto ma non abbiamo giocato bene, anzi, se siamo riusciti a spuntarla è stato soltanto per la grinta, il carattere e la determinazione che abbiamo tirato fuori, soprattutto nei momenti decisivi, ma il nostro gioco ha obiettivamente lasciato a desiderare – spiega il tecnico sammargheritese –. Ora ci attende la “bella”, che credo sia aperta a qualsiasi pronostico, credo che le due squadre abbiano il cinquanta per cento a testa di possibilità di passare il turno, anche la pressione del match penso che gravi in egual misura sulle spalle nostre e dei nostri avversari>.

Il Sestri Levante, nel corso di gara due, ha dato più volte l’impressione di poterla spuntare, ma non è poi riuscito ad assestare il colpo del ko.

<E questa è stata la nostra colpa maggiore – conferma il trainer biancoverde Dario Caorsi –. Tra la fine del terzo e l’inizio dell’ultimo quarto di gioco abbiamo infatti avuto a disposizione la possibilità di operare il break decisivo, ma non l’abbiamo sfruttata a dovere e così, alla fine, abbiamo pagato dazio. Adesso pensiamo alla “bella”, i miei giocatori hanno l’esperienza necessaria per affrontarla nel migliore dei modi, sappiamo che dobbiamo mantenere alta l’intensità e la concentrazione per tutta la durata del match, senza concederci pause. Non dobbiamo inoltre cercare alibi, anche se nel corso di gara due, soprattutto nelle fasi finali dell’incontro, l’arbitraggio non ci è stato di certo favorevole>.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

In Breve

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore